Dieta per dimagrire, veloce ed efficace: ma come iniziare?

Una dieta per dimagrire, per essere efficace, deve anche essere anche in grado di garantirti dei buoni risultati in modo veloce. Purtroppo, non è sempre facile seguire questi regimi alimentari, soprattutto se non sei psicologicamente pronto ad impegnarti in questa avventura! Iniziare a seguire un regime alimentare più contenuto non è facile e ci sono diversi fattori da considerare. Uno dei primi ostacoli è sicuramente come iniziare.

Dieta per dimagrire, veloce ed efficace ma come iniziareCominciare a mangiare meno, infatti, non basta, e può solo portare a fame e frustrazione psicologica. Queste si tradurrebbero in breve nella volontà di abbandonare il tuo progetto di dimagrimento, e sicuramente non è ciò che vuoi. Per questo motivo, troverai in questo articolo tutte le informazioni necessarie per capire al meglio come funzionano questi regimi alimentari e come riuscire a perseguire i propri obiettivi. Vedrai che l’impresa si rivelerà meno difficile di quanto sembri, se seguirai i giusti consigli e ti sentirai motivato.

Qual è lo schema corretto per la giusta dieta per dimagrire?

La giusta dieta per dimagrire deve seguire uno schema corretto. Ciò significa che è importante fissare un menu che contenga il giusto apporto calorico. Ma come calcolare quest’ultimo? L’impresa potrebbe sembrarti difficile, ma per fortuna esistono diversi specialisti e fonti online che possono aiutarti ad ottenere lo schema perfetto per ottenere i tuoi tanti agognati risultati. Ti basterà una breve ricerca online per scoprire che l’apporto calorico di cui ognuno di noi ha bisogno si basa su alcuni, semplici ma fondamentali elementi: l’altezza, il peso e lo stile di vita.

Qual è lo schema corretto per la giusta dieta per dimagrire1

Ovviamente ci sono tante altre variabili che possono concorrere, e se hai dei dubbi a riguardo non ti rimarrà che rivolgerti ad un professionista. Non dimenticare che anche l’età gioca un ruolo fondamentale, sia nell’apporto calorico che nella motivazione psicologica.

Al tempo stesso, ogni età è ottima per perdere peso! Una volta stabilite le calorie massime giornaliere, sarai pronto a divertirti con tutte le ricette. Anch’esse giocano un ruolo fondamentale nella riuscita della tua dieta per dimagrire! Alternarle, infatti, significa soffrire meno del tuo nuovo regime alimentare a calorie ridotte, e poter ancora godere del buon gusto del cibo.

Quali sono le recensioni riguardo alla dieta per dimagrire?

Quando si segue una dieta per dimagrire, è molto importante restare concentrati sul proprio obiettivo. Anche per questo motivo, è bene scegliere il regime alimentare più corretto e adatto a noi, basandosi magari anche sui pareri di chi ci è già passato o sta affrontando in questo momento la stessa avventura. È sempre una buona norma quella di scegliere una dieta basandosi anche e soprattutto sulle recensioni degli altri utenti.

Quali sono le recensioni riguardo alla dieta per dimagrire1In questo modo saprai quali sono i vantaggi e gli svantaggi di ogni regime alimentare, e quali sono stati i risultati. Ovviamente le recensioni che troverai in giro vanno sempre prese con le pinze: ognuno ha un organismo diverso, che implica quindi un modo diverso di approcciarsi all’alimentazione, e comporta una tempistica diversa per vedere i risultati. Online troverai tantissimi forum dedicati all’alimentazione e alle diete.

Chi ben comincia è già a metà dell’opera, e questo vale per tutto, anche per i regimi alimentari! Inoltre, la stessa dieta che ha dato buoni risultati ad un’altra persona, potrebbe non funzionare allo stesso modo con te, creando frustrazione e tristezza per la mancanza di perdita di peso. Ecco perché a volte potrebbe essere necessario provare diverse diete prima di trovare quella giusta.

Lista di tipi di dieta aggiornata

Qualunque siano le tue esigenze, sicuramente troverai tutto ciò che ti serve per iniziare questa avventura e per trovare la motivazione per continuare. È sempre consigliabile però rivolgersi ad un professionista del settore, almeno per un iniziale consulto. Ti basta una breve occhiata al mondo dei regimi alimentari per notare come esistano tantissimi schemi, tutti mirati ad esigenze e risultati diversi.

Ogni dieta dimagrante è diversa alle altre, perché richiede un diverso apporto di calorie, delle ricette diverse, ed è dedicata a determinate tipologie di organismi e di soggetti. È impossibile stabilire a priori quali siano le diete efficaci fra tutte quelle pubblicizzate in giro.

Questo perché, come già detto, la stessa dieta potrebbe rivelarsi ottima per un individuo, e assolutamente inefficace per un altro. Soltanto analizzare bene i regimi alimentari e quello che comportano, e magari provandone diversi, è possibile capire quale è davvero quello adatto a te. Se una dieta non funziona, non bisogna deprimersi, ma cercare di capire se si è sbagliato qualcosa. Se la risposta in questo caso è negativa, allora molto probabilmente è lo schema alimentare a non essere compatibile con il nostro organismo o stile di vita. Per fortuna, esistono tantissime diete da provare!

Dieta Dukan

La dieta Dukan è una delle più scelte da chi vuole ritrovare velocemente il proprio peso ideale. Essa è strutturata in quattro fasi. La prima è la fase d’attacco, che dura fino ad una settimana e consiste nel consumo di prodotti ricchi di proteine. È un modo perfetto per perdere peso in fretta e senza ingerire nessun particolare prodotto dimagrante. La seconda fase integra diverse verdure, che vanno alternati alle proteine. In questa fase è possibile perdere fino ad 1 kg a settimana!

Dieta DukanLa terza fase è quella di consolidamento, che permette di mantenere il proprio peso e deve durare 10 giorni per ogni chilo perso nelle fasi precedenti. È importante capire come mantenere il peso raggiunto così da evitare di riaccumulare grassi soprattutto su pancia e fianchi. Ecco perché in questa fase vanno reintegrati alimenti comuni come formaggi, pasta e frutti.

Va però rispettato un giorno in cui ingerire solo proteine.La quarta fase è quella di stabilizzazione, che permette di mantenere virtualmente per sempre il peso finalmente raggiunto, ovviamente seguendo i giusti accorgimenti richiesti dal regime alimentare e dal buonsenso. La dieta cessa di essere stretta ed è possibile integrare finalmente più alimenti, ma sempre senza esagerare troppo.

Dieta Plank

La dieta Plank si basa sul dimagrimento iperproteico, che permette di snellire soprattutto le gambe. Va quindi integrata con diversi esercizi per dimagrire, così da perdere peso in maniera sana ed equilibrata. Questo regime alimentare si basa su un calo di peso in sole due settimane, dopo le quali si può perdere fino a circa 10 kg. Se seguito alla lettera, il regime permetterebbe di mantenere il peso raggiunto per ben 3 anni!

Dieta Plank1

Il regime si basa sull’assunzione di molte proteine, riducendo (e a alcune volte persino eliminando) altri nutrienti come lo zucchero e l’olio. È molto importante bere tanta acqua, superando se necessario anche la solita dose di due litri al giorno. Secondo il nutrizionista, infatti, in questo modo si contrasta l’eccesso proteico richiesto da questo regime alimentare. Trattandosi di una dieta che implica un limitato apporto di calorie, va seguita con molta attenzione.

Terminati i 14 giorni, è possibile ricominciare ad alimentarsi normalmente, ma affinché il peso raggiunto venga mantenuto è importante seguire alcuni accorgimenti. Andranno quindi limitati zuccheri, alcolici, ma anche e soprattutto carboidrati. Bisognerà quindi sempre mantenersi al di sotto di un certo numero di calorie, che varia in base a sesso, età e stile di vita.

Dieta chetogenica

La dieta chetogenica si basa sulla riduzione dei carboidrati alimentari, obbligando così l’organismo a produrre in autonomia più glucosio, e aumentando di conseguenza il consumo energetico dei grassi contenuti nei nostri tessuti adiposi. Ciò significa che i corpi chetonici, quelli che vengono smaltiti normalmente con le urine, raggiungono un livello superiore al normale.

Dieta chetogenica1

Non esiste una sola variante di questo schema alimentare, poiché in questa definizione rientrano tutti gli stili che forniscono una quantità di carboidrati inferiore a quella necessaria all’organismo. In poche parole, le caratteristiche principali di questo stile alimentari sono riassumibili in: meno calorie, basso apporto di carboidrati, alto contenuto di proteine e quindi di lipidi.

Fondamentalmente, questo regime permette di mangiare diversi alimenti. I più consigliati sono quelli poveri di carboidrati, quali carne, uova formaggi e ortaggi. Sono invece sconsigliati legumi, frutti, cereali e patate. Questo regime permette quindi di raggiungere la cosiddetta chetosi. Ma come capire quando si è raggiunta? Alcuni sintomi sono l’alito più pesante e la bocca asciutta, oltre che una generale riduzione dell’appetito. Basta però testare il ph delle proprie urine per capire se la dieta sta proseguendo nel migliore dei modi. Inoltre, non è richiesto particolare esercizio fisico, anche perché la chetosi comporta spossatezza.

Dieta mediterranea

La dieta mediterranea è quella più conosciuta e seguita in molti Paesi, soprattutto l’Italia, ed è considerata la più sana poiché non richiede l’ingestione di alcun frullato dimagrante. Questo modello nutrizionale è stato addirittura riconosciuto dall’UNESCO come uno dei patrimoni immateriali dell’umanità! Questo regime si fonda sul consuma di alimenti comuni nel bacino mediterraneo, con particolare predilezione per cereali, verdura, fritta, e olio di oliva.

Dieta mediterranea1

Il consumo di pesce e carne bianca è moderato, e sconsigliato quello di grassi saturi e animali. La frutta fresca, in particolare, viene consigliata come dessert giornaliero, e l’olio di oliva è indicato come fonte di grassi principale. Anche i latticini possono essere consumati giornalmente in quantità modeste. Sono davvero numerosi gli studi che hanno premiato a pieni voti questo schema alimentare.

Diverse analisi sono anche state condotte sui Paesi in cui esso è preminente, quali Italia e Grecia. Essi hanno rivelato che queste popolazioni sono tendenzialmente più sane e meno soggette all’obesità. Sicuramente, il segreto del suo successo sta proprio nella limitata assunzione di grassi saturi. Inoltre, non esiste un numero fisso di calorie da ingerire, cosa che rende questa dieta molto più facile da seguire e da applicare, in modo totalmente sicuro, a grandi e piccini.

Dieta del riso

La dieta del riso permette di dimagrire più velocemente proprio grazie a questo elemento e alle sue importanti e preziose proprietà. Esso si dimostra infatti un valido alleato per depurare l’organismo, grazie alle sue qualità disintossicanti. Non a caso il riso integrale è stato riconosciuto come un ottimo modo per aiutare la digestione, soprattutto nei soggetti che soffrono di costipazione.

Dieta del risoIl riso in bianco, soprattutto se bollito, è invece perfetto contro la diarrea. Il segreto sta nelle proteine del rio, che sono prime di tossine e di glutine. In sostanza, si tratta di un alimento che da subito un senso di sazietà ma ha poche calorie, quindi è perfetto per perdere peso. Inoltre, il riso svolge una importante azione drenante, aiutando la diuresi e combattendo la ritenzione idrica.

Questo regime alimentare è quindi diviso in due fasi. La prima prevede una dieta di tre giorni che disintossichi l’organismo, la seconda dura nove giorni e porta a dimagrire velocemente. Grazie al riso, inoltre, sarà molto facile spaziare tra tante ricette. Potresti ad esempio provare una crema di riso dolce, o una minestra di riso condita con deliziose verdurine ed un filo d’olio! Non ci sono quindi limiti al numero di ricette da provare che abbiano il riso come principale protagonista!

Dieta Lemme

La dieta Lemme, ispirata dall’omonimo farmacista, si basta su un consumo esclusivo di carboidrati e proteine. Sono quindi banditi frutta, verdura, dolci e sale. Il regime alimentare è suddiviso in due fasi, ovvero dimagrimento e successivo mantenimento.

Dieta Lemme1A differenza di altri scemi, questa dieta considera molto importanti anche gli orari in cui i pasti vengono ingeriti. La colazione, ad esempio, dovrebbe essere assunta entro le 9.30, il pranzo non più tardi delle 14 e la cena non oltre le 21. Sono concessi due spuntini, uno a metà mattinata ed uno nel pomeriggio, che consistono in the e un limone a spicchi. Al tempo stesso, è possibile ingerire quantità illimitate di pasta, carne e pesce. È invece bandito il sale, compreso quello nell’acqua della pasta!

Le bevande consentite, oltre ovviamente all’acqua, sono caffè e the ma senza zucchero. Anche le spezie e persino il peperoncino e l’olio d’oliva sono consentiti in qualità libera. Sono permette tutte le modalità di cottura, compresa la frittura. Questo perché il dottor Lemme non considera il valore calorico del cibo, ma quello biologico. Ad esempio, i carboidrati vanno assunti sotto forma di pasta solo al mattino, poiché solo in questo modo possono essere smaltiti meglio dal corpo.

Dieta proteica

La dieta proteica ti promette un dimagrimento veloce e soprattutto duraturo nel tempo, ed è spesso pubblicizzata da diversi personaggi famosi. Essa è inoltre indicata per lo sviluppo muscolare, poiché permette di bruciare i grassi in eccesso, aumentando di conseguenza i muscoli. Questo regime alimentare è molto semplice da seguire, poiché si basa, come il nome suggerisce, sull’assunzione di proteine.

Sono quindi banditi carboidrati e grassi. Un altro punto a suo favore è che non comporta fame né calcoli di calorie da ingerire, ma anzi protegge dalla perdita di massa muscolare e porta a bruciare più velocemente il grasso corporeo. Ciò è dovuto al fatto che le proteine hanno meno calorie dei carboidrati, e saziano più a lungo.

Dieta proteica1

Il tuo organismo impiega più tempo a bruciare le proteine, perciò il metabolismo è sempre attivo, anche durante la digestione. Grazie a questo processo, il cosiddetto effetto yo-yo è meno probabile. Il tutto si basa sull’assunzione di uova, carne, pesce, verdura e latticini. Sono invece vietati i carboidrati, quali pasta, riso, patate e pane. Idealmente, anche la frutta dovrebbe essere limitata, ed ovviamente anche il grasso. Occhio ai salumi! Sono sicuramente ricchi di proteine, ma anche di grassi. Questi ultimi risultano sani solo quando assunti sotto forma di frutta secca o acidi grassi omega 3 (ad esempio il salmone).

Dieta personalizzata

Come già accennato, non esiste un regime alimentare che vada bene in assoluto per tutti. Ogni metabolismo ed ogni organismo funziona in modo diverso, ed è per questo che potrebbe essere una buona idea quella di seguire una dieta personalizzata. Essa sarà stabilita in base a diversi fattori variabili e personalizzati, quali il sesso, l’età, lo stile di vita e la tua costituzione corporea.

Dieta personalizzata1Solo una dieta di questo tipo può garantirti l’assunzione del numero di calorie corretto per il tuo fabbisogno quotidiano. Ormai esistono tantissimi portali online e applicazioni per cellulare che permettono di creare il proprio regime alimentare. In alternativa, la soluzione migliore resta quella di rivolgersi ad uno specialista, quindi ad un nutrizionista o ad un dietologo. Egli procedere con una anamnesi accurata della tua salute e della tua storia famigliare, richiedendoti al tempo stesso anche degli esami del sangue. Man mano che seguirai il tuo piano alimentare, egli sarà sempre disponibile per spiegarti gli errori che stai eventualmente compiendo e che potrebbero allontanare o ritardare il tuo obiettivo.

Sarà inoltre sempre presente per condividere con te ogni tappa importante o successo che riscuoterai. Come sempre, potrebbe volerci un po’ prima di trovare lo specialista adatto, ma una volta fatto vedrai che dimagrire sarà più facile!

Dieta per diabetici

Il diabete, come sa bene chi ne soffre, è una malattia cronica. La glicemia, ovvero il livello di zucchero nel sangue, aumenta più di quanto dovrebbe, e per questo è necessario seguire una ferrea dieta per diabetici. A seconda della gravità della patologia, i medici potrebbero prescrivere dei regimi alimentari particolari. In generale, ai diabetici viene comunque consigliato di prediligere gli alimenti vegetali che aiutino a regolare il livello di zucchero nel sangue, e di non trascurare l’attività fisica.

Dieta per diabetici1

In un regime alimentare di questo tipo, quindi, è importante consumare alimenti a basso indice glicemico. In questo modo, la dieta diventa un utile strumento che affianca la terapia farmacologica nel controllo della glicemia. Non è raro che uno schema di questo tipo si rifaccia anche alla dieta mediterranea, poiché gli alimenti in essa contenuta hanno effetti antinfiammatori e positivi per la salute delle nostre arterie.

Tra gli alimenti consigliati per i diabetici c’è sicuramente tanta verdura, in particolare i cosiddetti tuberi della salute quali pomodori e carciofi. Andrebbero inoltre privilegiati i cereali integrali, limitando il consumo di pane e pasta, e dei grassi di origine alimentare. L’olio extravergine di oliva resta il miglior condimento, in quanto contribuisce ad abbassare il livello di zuccheri nel sangue.

Dieta del gruppo sanguigno

La dieta del gruppo sanguigno è stata ideata da un naturopata italiano, e si fonda su una semplice teoria: il gruppo sanguigno incide particolarmente sul rapporto fra alimenti e metabolismo. Il presupposto, quindi, è quello che la differenziazione dei gruppi sanguigni abbia seguito il corso dell’evoluzione umana. Essi contengono quindi una parte del nostro DNA, e sono molto importanti per conoscere il nostro organismo.

Gli alimenti contengono delle particolari proteine, dette lectine, che hanno un’influenza diversa u ogni gruppo sanguigno. Alcuni di questi gruppi, quindi, possono addirittura risultare intolleranti ad alcuni alimenti. Ciò spiegherebbe anche le varie intolleranze alimentari e i diversi disturbi legati proprio alle scelte dietetiche.

Ogni gruppo sanguigno, quindi, deve prestare particolare attenzione agli alimenti che ingerisce. Ad esempio, il gruppo 0, capostipite di tutti i gruppi, dovrebbe preferire i cibi di origine alimentare, ed evitare latticini, cereali e derivati. Il gruppo AB, invece, è il gradino più alto nella scala evolutiva, e può consumare con moderazione tutti i cibi, sempre prestando attenzione ai latticini. Nonostante molti esperti si dichiarino scettici nei confronti di questo regime alimentare, ad oggi sono molti gli individui che lo seguono. Fra di essi, figurano anche molti personaggi dello spettacolo, che si dicono entusiasti dei risultati.

SHARE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here